Cambiare casa, qual è il primo passo da fare?

Cambiare casa, qual è il primo passo da fare
Condividi

Hai deciso di cambiare casa, vendendo quella attuale per acquistarne una nuova. Ma qual è il primo passo che ti conviene fare in questa doppia transazione? È meglio vendere prima il proprio attuale immobile e poi acquistare quello nuovo, o cercare prima il nuovo immobile e, solo dopo, vendere la propria casa?

Il bivio è piuttosto comune e, peraltro, difficilmente prevedibile nei suoi esiti. Tuttavia, questo non significa che tu non possa avvicinarti ad esso con la giusta consapevolezza, soprattutto se agirai in compagnia di un buon agente immobiliare che possa metterti al riparo dalle principali incongruenze che potresti attraversare.

Cerchiamo allora di riassumere che cosa potrebbe accadere, affrontando separatamente le due ipotesi.

Vendere prima

La prima ipotesi è quella della vendita del proprio appartamento prima di procedere con l’acquisto del nuovo. Si tratta di una scelta ideale per avere a disposizione delle risorse liquide da spendere per la nuova operazione di acquisto, poiché deriveranno dalla vendita del tuo immobile, eventualmente al netto dell’estinzione del mutuo in corso.

Così facendo, peraltro, non correrai la tentazione di essere costretto a svendere troppo rapidamente il tuo immobile, considerato che non avrai alcuna fretta di accelerare i tempi, non avendo nessun obbligo contrattuale sul fronte dell’acquisto.

In questo ambito, però, potresti correre il rischio di non trovare l’immobile giusto entro il termine che hai stabilito con l’acquirente della tua casa. Per evitare di restituire il doppio della caparra ricevuta, dovrai dunque trovare una soluzione temporanea (come un affitto breve), con conseguenti disagi e spese aggiuntive.

Comprare prima

L’alternativa naturale è quella di acquistare prima la nuova casa e, solo dopo, vendere quella attuale. È generalmente questa la situazione in cui preferiscono ricadere tutti coloro i quali hanno trovato la casa dei propri sogni e, temendo di farsela sfuggire, avanzano una proposta di acquisto ottenendo la serenità e la sicurezza di aver individuato la propria nuova soluzione abitativa.

Anche in questo caso, però, non mancano gli aspetti negativi su cui prestare particolare attenzione.

Di fatti, acquistare prima la nuova casa e, solo dopo, vendere l’attuale, potrebbe esporti al rischio di non avere la liquidità necessaria per procedere alla conclusione dell’operazione di compravendita. Se non riuscirai a trovare le risorse liquide mediante la stipula di un nuovo mutuo, correrai il rischio di perdere la caparra versata per la nuova casa.

Certo, potresti pur sempre spingere sulla vendita della tua attuale casa ma… attenzione. La fretta di vendere il tuo appartamento potrebbe infatti indurti ad abbassare troppo il prezzo e, di conseguenza, procedere ad una svendita del tuo immobile, con ciò che ne consegue sull’insoddisfazione che percepiresti nel concludere la compravendita.

Introdotto quanto sopra, ne deriva che il modo migliore per affrontare un’operazione di cambio casa è quello di coordinare attentamente le due transazioni di acquisto / vendita con attenzione e consapevolezza.

Contattaci senza impegno: condivideremo con te in che modo i nostri agenti immobiliari possono aiutarti a concludere ogni passo con la giusta sicurezza ed efficacia!

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi essere avvisato quando ne pubblicheremo altri?
La tua privacy è al sicuro. Rispettiamo le normativa GDPR UE 2016/679
cdmimmobiliare
Seguici

Condividi